2 Dicembre 2021
Expand search form

Quale sistema nervoso è responsabile della digestione?

m0810c16207233044093

I disturbi gastrointestinali funzionali colpiscono dal 35% al 70% delle persone ad un certo punto della vita, le donne più spesso degli uomini. Questi disturbi non hanno una causa fisica apparente – come un’infezione o un cancro – eppure provocano dolore, gonfiore e altri disagi.

Molteplici fattori – biologici, psicologici e sociali – contribuiscono allo sviluppo di un disturbo gastrointestinale funzionale. Numerosi studi hanno suggerito che lo stress può essere particolarmente importante, tuttavia. La relazione tra lo stress ambientale o psicologico e il disagio gastrointestinale è complessa e bidirezionale: lo stress può innescare e peggiorare il dolore gastrointestinale e altri sintomi, e viceversa. Questo è il motivo per cui le terapie psicologiche sono spesso utilizzate in combinazione con altri trattamenti – o anche da sole – per trattare i disturbi gastrointestinali funzionali.

Il sistema nervoso enterico come secondo cervello

Le funzioni vitali, come la respirazione, il battito cardiaco, la pressione sanguigna e la temperatura corporea, sono regolate attraverso il sistema nervoso autonomo. Questa complessa rete di nervi si estende dal cervello a tutti i principali organi del corpo e ha due divisioni principali. Il sistema nervoso simpatico innesca la risposta “combatti o fuggi”. Il sistema nervoso parasimpatico calma il corpo dopo che il pericolo è passato. Sia il sistema nervoso simpatico che quello parasimpatico interagiscono con un altro componente meno conosciuto del sistema nervoso autonomo – il sistema nervoso enterico, che aiuta a regolare la digestione.

Il sistema nervoso enterico è talvolta definito come un “secondo cervello” perché si basa sugli stessi tipi di neuroni e neurotrasmettitori che si trovano nel sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale). Dopo aver percepito che il cibo è entrato nell’intestino, i neuroni che rivestono il tratto digestivo segnalano alle cellule muscolari di iniziare una serie di contrazioni intestinali che spingono il cibo più avanti, scomponendolo in nutrienti e rifiuti. Allo stesso tempo, il sistema nervoso enterico usa neurotrasmettitori come la serotonina per comunicare e interagire con il sistema nervoso centrale.

Questo “asse cervello-intestino” aiuta a spiegare perché i ricercatori sono interessati a capire come lo stress psicologico o sociale possa causare problemi digestivi. Quando una persona diventa abbastanza stressata da innescare la risposta di lotta o fuga, per esempio, la digestione rallenta o addirittura si ferma in modo che il corpo possa deviare tutta la sua energia interna per affrontare la minaccia percepita. In risposta a stress meno gravi, come parlare in pubblico, il processo digestivo può rallentare o essere temporaneamente interrotto, causando dolore addominale e altri sintomi di disturbi gastrointestinali funzionali. Naturalmente, può funzionare anche nell’altro modo: i problemi gastrointestinali persistenti possono aumentare l’ansia e lo stress.

Opzioni di psicoterapia per il disagio gastrointestinale

Recensioni suggeriscono che diversi tipi di psicoterapia possono aiutare ad alleviare il disagio gastrointestinale persistente – o almeno aiutare le persone a imparare a far fronte a tali sintomi. Anche se questa ricerca ha dei limiti – in particolare, molti studi sono stati criticati per l’uso di una lista d’attesa di controllo, che non permette agli investigatori di tenere conto degli effetti terapeutici della ricezione dell’attenzione medica – l’evidenza suggerisce che le seguenti psicoterapie possono fornire qualche sollievo a molte persone con gravi disturbi gastrointestinali funzionali.

Terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Questo standard di psicoterapia aiuta i pazienti a cambiare pensieri e comportamenti controproducenti e a imparare le abilità di coping per gestire meglio lo stress e l’ansia. La CBT può essere più utile nell’aiutare i pazienti ad affrontare il disagio gastrointestinale persistente, piuttosto che ridurre il dolore.

Terapia di rilassamento. Questo comprende una serie di tecniche progettate per aiutare le persone a rilassarsi e ridurre la reattività allo stress. Le tecniche includono il rilassamento muscolare progressivo, la visualizzazione e la musica riposante. È efficace per i disturbi gastrointestinali quando è combinata con la CBT.

Ipnosi. L’ipnoterapia diretta all’intestino – che combina il rilassamento profondo con suggerimenti positivi focalizzati sulla funzione gastrointestinale – può essere utile per le persone i cui sintomi si presentano anche senza stress evidente.

Articolo precedente

Di quanto spazio hai bisogno per un palo a casa?

Articolo successivo

Cos’è una proteina naturale?

You might be interested in …

Come posso essere una buona attrice?

Come affronta l’apprendimento di qualcosa di nuovo che le tornerà sicuramente utile? Cerco di trovare più informazioni possibili, studio tutto per conto mio e quello che non riesco a capire lo chiedo ai professionisti. Vado […]

Come si pota la Yucca ad ago di Adams?

L’ago di Adamo (Yucca filamentosa) è un arbusto sempreverde a crescita lenta che è spesso usato nei paesaggi a tema sud-ovest. L’ago di Adam è imparentato con molti altri cactus e succulente comunemente coltivati; è […]

Quanti episodi ha fatto Huell Howser?

Howser è nato Huell Burnley Howser a Gallatin, Tennessee il 18 ottobre 1945 da Harold Chamberlain e Jewell Havens (Burnley) Howser. [2] Il nome di Howser è una miscela dei nomi dei suoi genitori Harold […]