2 Dicembre 2021
Expand search form

Perché Wilfred Owen ha ricevuto la Croce Militare?

Wilfred Owen

Wilfred Owen (1893-1918) – nato a Oswestry, ai confini del Galles, e cresciuto a Birkenhead e Shrewsbury – è ampiamente riconosciuto come una delle più grandi voci della prima guerra mondiale. Al momento della sua morte era praticamente sconosciuto – solo quattro delle sue poesie furono pubblicate durante la sua vita – ma era sempre stato determinato a diventare un poeta, e aveva sperimentato i versi fin dalla tenera età. Nel 1913-1915, mentre insegnava a Bordeaux e Bagnères-de-Bigorre in Francia, lavorò sui modelli di rima che divennero caratteristici della sua poesia; ma non fu fino all’estate del 1917 che trovò la sua vera voce.

Nel 1915 Owen si arruolò nell’esercito britannico. Le sue prime esperienze di servizio attivo a Serre e St. Quentin nel gennaio-aprile 1917 lo portarono allo shock da granata e al suo ritorno in Gran Bretagna. Mentre era in cura all’ospedale di guerra Craiglockhart a Edimburgo, incontrò uno dei suoi eroi letterari, Siegfried Sassoon, che gli fornì una guida e un incoraggiamento per portare le sue esperienze di guerra nella sua poesia.

Quando Owen tornò al fronte occidentale, dopo più di un anno di assenza, prese parte alla rottura della linea Hindenburg a Joncourt (ottobre 1918) per la quale gli fu assegnata la Croce Militare in riconoscimento del suo coraggio e della sua leadership. Fu ucciso il 4 novembre 1918 durante la battaglia per attraversare il canale Sambre-Oise a Ors.

Praticamente tutte le poesie per le quali è ora ricordato furono scritte in uno slancio creativo tra l’agosto 1917 e il settembre 1918. Il suo compito autoproclamato era quello di parlare per gli uomini a lui affidati, di mostrare la “Pietà della guerra”, che espresse anche in vivide lettere a casa. Il suo tetro realismo, la sua energia e indignazione, la sua compassione e la sua grande abilità tecnica sono evidenti in molte poesie note, e frasi o versi della sua opera (“Ogni lento crepuscolo un abbassamento di tende” … “La vecchia bugia: Dulce et decorum est …” ) sono frequentemente citati.

La reputazione di Wilfred Owen è cresciuta costantemente, aiutata negli anni dall’edizione di Edmund Blunden con una memoria biografica nel 1931, e da edizioni successive, biografie e analisi critiche di C.Day Lewis, Jon Stallworthy, Dominic Hibberd e altri. Gli studiosi moderni considerano l’opera di Owen come la poesia più significativa degli anni della guerra 1914-1918, e la sua influenza sulle generazioni successive di poeti e lettori è ampiamente riconosciuta. Nel 1961 molte delle sue poesie furono incluse nel War Requiem di Benjamin Britten.

. è la prefazione, da Wilfred Owen, a un volume delle sue poesie che doveva mostrare, all’Inghilterra e al mondo intollerante, la follia, l’innaturalezza, l’orrore, l’inumanità e l’insopportabilità della guerra, ed esporre, in modo che tutti potessero soffrire e vedere, le bugie eroiche, la volontà dei vecchi di sacrificare i giovani, l’indifferenza, il dolore, l’anima dei soldati. è un poeta di tutti i tempi, tutti i luoghi e tutte le guerre. C’è solo una guerra: quella degli uomini contro gli uomini”.
Dylan Thomas

Bozza di prefazione di Wilfred Owen

Questo libro non parla di eroi. La poesia inglese non è ancora adatta a parlarne.

Né si tratta di gesta, o di terre, né di qualcosa che riguardi la gloria, l’onore, la potenza, la maestà, il dominio o il potere, tranne la guerra.

Soprattutto non mi occupo di poesia.

Il mio soggetto è la guerra e la pietà della guerra.

La poesia è nella pietà.

Eppure queste elegie non sono in alcun modo consolatorie per questa generazione. Potrebbero esserlo per la prossima. Tutto quello che un poeta può fare oggi è avvertire. Ecco perché i veri poeti devono essere sinceri.

(Se avessi pensato che la lettera di questo libro sarebbe durata, avrei potuto usare nomi propri; ma se lo spirito di esso sopravvive – sopravvive la Prussia – la mia ambizione e quei nomi avranno raggiunto campi più freschi delle Fiandre. )”

– dalla bozza della Prefazione di Wilfred Owen, preparata per una raccolta di poesie di guerra che sperava di pubblicare nel 1919. È stato scritto a Ripon, Yorkshire, nel 1918.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quando Wilfred Owen ricevette la Croce Militare?

Nel settembre 1918, Owen tornò al fronte durante le fasi finali della guerra. Combatté una feroce battaglia e fu premiato con la Croce Militare per il suo coraggio….Wilfred Owen.NomeWilfred OwenMorto4 novembre 1918, Canale di Sambre-Oise, vicino a Ors, Cambrai, FranciaGenderMalePeriodo letterario20° secoloGenerePoesia3 altre righe

Continua…

Perché Wilfred Owen fu mandato all’ospedale militare in Inghilterra?

In queste lettere a sua madre dirigeva la sua amarezza non verso il nemico ma verso le persone in Inghilterra “che potrebbero darci sollievo e non lo faranno”. Dopo aver sopportato tali esperienze in gennaio, marzo e aprile, Owen fu mandato in una serie di ospedali tra il 1° maggio e il 26 giugno 1917 a causa di forti mal di testa.

Continua…

Come si sente Wilfred Owen riguardo all’invio dei soldati?

Il Send-Off è una poesia contro la guerra ed è atipicamente scuro, che era un marchio di fabbrica della poesia di Wilfred Owen. … Penso che questo sia deliberato per enfatizzare l’inutilità nella speranza che le persone portino i loro cari alla stazione prima di essere spediti in guerra.

Continua…

Chi stava fissando i soldati nella poesia di Owen send off?

Jay Gilbert, Ph. D. Un “vagabondo casuale” in questa poesia sta fissando duramente le donne che si affrettano a salutare un gruppo di soldati che vanno al fronte. Il vagabondo appare interessato ai soldati e il poeta dice che era “dispiaciuto di perdere” quelli che erano venuti dal…

Continua…

Qual è il tema principale della poesia The Send-Off?

I temi principali della “Morte” e della “Guerra” fanno chiaramente parte di questa poesia, ma i temi più sottili del cameratismo e del coraggio tra i soldati sono molto sentiti. L’insensibilità di coloro che si trovano sul fronte interno, le donne che danno fiori e i “portatori ottusi” è evidenziata.

Continua…

Che cosa incoraggiò Siegfried Sassoon a Owen?

Sassoon incoraggiò Owen a scrivere sulle trincee e, sotto la sua guida, scrisse due delle sue più grandi poesie a Craiglockhart, ‘Dulce et Decorum Est’ e ‘Anthem for Doomed Youth’. Il tempo trascorso da Owen nella capitale lo trasformò da novizio al grande poeta della prima guerra mondiale che oggi ricordiamo.

Continua…

Cosa dice Wilfred Owen sulla natura contro il conflitto?

La guerra sembra essere uno sfondo per la sofferenza, poiché Owen dice che è “come una voce noiosa di qualche altra guerra” La natura è personificata e agisce come una minaccia nella poesia Exposure di Owen. Il vento “ci accoltella” e le “folli raffiche” sono paragonate al dolore contorto dei soldati.

Continua…

Qual è l’opinione di Wilfred Owen sulla guerra?

“Il mio soggetto è la guerra, e la pietà della guerra. La poesia è nella pietà”. Owen aveva una visione ottimistica della guerra e come molti altri all’epoca fu influenzato dal patriottismo dello sforzo bellico. Nel giugno 1916, fu nominato sottotenente nel Reggimento di Manchester.

Continua…

Cosa fu diagnosticato a Owen dopo il ritorno dalla Grande Guerra?

Gravemente scosso e disorientato dal bombardamento, Owen evitò a malapena di essere colpito da una granata che esplodeva, e tornò al suo campo base confuso e balbuziente. Un medico diagnosticò lo shell-shock, un nuovo termine usato per descrivere i danni fisici e/o psicologici subiti dai soldati in combattimento.

Continua…

Perché i loro petti erano ricoperti di ghirlande e spray?

I fiori bianchi suggeriscono ironicamente che i soldati stavano per morire sul campo di battaglia; e così i fiori bianchi sono stati offerti loro come in previsione della morte. Come i petti dei morti sono coperti di fiori bianchi, così anche i petti dei soldati erano ricoperti di ghirlande e spruzzi bianchi.

Continua…

Come usa Owen l’ironia nel suo poema The Send-Off?

Il tono generale della poesia è cupo e ironico. … Il modo rassegnato in cui Owen descrive gli eventi aumenta l’ironia. Forse sperando nella gloria, i soldati cantano sulla loro strada verso la morte, ma i festeggiamenti che accompagnano il loro viaggio per affrontare gli orrori della guerra non ci saranno per i pochi che sopravvivono.

Continua…

In che modo Wilfred Owen usa l’ironia nella sua poesia The Send-Off?

Il tono generale della poesia è cupo e ironico. … Il modo rassegnato in cui Owen descrive gli eventi aumenta l’ironia. Forse sperando nella gloria, i soldati cantano sulla loro strada verso la morte, ma i festeggiamenti che accompagnano il loro viaggio per affrontare gli orrori della guerra non ci saranno per i pochi che sopravvivono.

Continua…

Chi ha scritto il poema Il commiato?

Wilfred Owen
Wilfred Owen, che scrisse alcune delle migliori poesie britanniche sulla prima guerra mondiale, compose quasi tutte le sue poesie in poco più di un anno, dall’agosto 1917 al settembre 1918.

Continua…

Come e perché Wilfred Owen divenne un soldato?

Dopo la scuola divenne un assistente all’insegnamento e nel 1913 andò in Francia per due anni per lavorare come insegnante di lingua. Iniziò a scrivere poesie da adolescente. Nel 1915 tornò in Inghilterra per arruolarsi nell’esercito e fu arruolato nel Manchester Regiment.

Continua…

Come erano collegati Siegfried Sassoon e Wilfred Owen?

Owen era l’editore della rivista letteraria del Craiglockhart Hospital quando arrivò Sassoon. Dopo che Owen condivise alcune delle sue caratteristiche poesie arrabbiate, Sassoon lo incoraggiò a continuare a scrivere, e i due iniziarono a condividere idee e ad incoraggiare la creatività dell’altro.

Continua…

Articolo precedente

Come faccio a modificare il mio microfono?

Articolo successivo

Quanto venivano pagati i lavoratori del Canale di Panama?

You might be interested in …

L’ossigeno si dissolve nel sangue?

L’ossigeno è scarsamente solubile nel plasma, così che meno del 2% dell’ossigeno viene trasportato disciolto nel plasma. La maggior parte dell’ossigeno è legato all’emoglobina, una proteina contenuta nei globuli rossi. L’emoglobina è composta da quattro […]

Cos’è una rinuncia al patto?

Una rinuncia al patto è quando un prestatore perdona temporaneamente la violazione di un patto di prestito da parte di un mutuatario. I prestatori possono specificare diverse linee d’azione nelle rinunce al patto, incluso il […]

Chi ha registrato per primo Oh Happy Day?

Il cantante gospel e quattro volte vincitore del Grammy Award Edwin Hawkins è morto lunedì all’età di 74 anni. Joel Clifton/Courtesy dell’artista Oh Happy Day” di Edwin Hawkins fu un successo casuale. La canzone, una […]