29 Novembre 2021
Expand search form

Il bicarbonato di sodio è un antibiotico?

Di Chuck Dinerstein, MD, MBA – 11 gennaio 2018

La sepsi è un’infezione travolgente che può portare al fallimento degli organi e alla morte. È un grosso problema.

Negli Stati Uniti, 1,6 milioni di pazienti sono colpiti ogni anno, con circa 250.000 che muoiono – molto più grande dei decessi per il cancro al seno, che raccolgono molta più pubblicità. Inoltre, la sepsi richiede una diagnosi e un trattamento rapidi che la rendono una priorità nei nostri Dipartimenti di Emergenza. Per gli economisti, è la cura più costosa che forniamo. [1]

Un articolo della American Chemical Society Infectious Disease suggerisce che abbiamo trascurato un mezzo per trattare la sepsi che il nostro corpo già fornisce, il bicarbonato. È importante notare che la ricerca coinvolge in vitro lavoro solo in vitro.

Del bicarbonato e dei batteri

Il bicarbonato agisce insieme all’anidride carbonica per tamponare il nostro sangue, mantenendo il nostro pH intorno a 7,4 – cioè, leggermente basico. I reni controllano il livello di bicarbonato, trattenendo o rilasciando il bicarbonato; i polmoni controllano l’anidride carbonica, aumentando o diminuendo la frequenza respiratoria per eliminare o trattenere l’anidride carbonica. I cambiamenti del livello di bicarbonato nel sangue avvengono più lentamente dei cambiamenti respiratori che alterano i livelli di anidride carbonica.

La sensibilità batterica agli antibiotici è misurata coltivando i batteri su piastre di Petri e mettendo piccoli dischi con vari antibiotici sulle piastre e vedendo cosa non cresce. Le piastre sono immerse in soluzioni che imitano la nostra fisiologia, con un livello “normale” di bicarbonato e pH. Le sensibilità batteriche agli antibiotici sono espresse come concentrazioni minime inibitorie (MIC); cioè, la concentrazione di antibiotico che è necessaria per fermare la crescita batterica. Gli autori hanno notato che gli studi hanno mostrato sia un aumento che una diminuzione delle MIC quando i livelli di bicarbonato sono stati alterati. Si sono chiesti se il bicarbonato, da solo, avesse effetti antimicrobici.

I loro esperimenti dimostrano che a concentrazioni fisiologiche, il bicarbonato ha potenziato l’attività di alcuni antibiotici. Più importante, per quanto riguarda la sepsi, il bicarbonato ha potenziato l’impatto degli antibiotici su quattro delle specie batteriche identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità come priorità sanitarie globali. [Questo effetto non era legato a un aumento del pH, che è stato regolato per rimanere fisiologicamente normale.

La loro ipotesi per questi risultati era che il bicarbonato interferiva con l’energia disponibile per i batteri, alterando ciò che è noto come la forza motrice protonica (PMF), un gradiente elettrochimico attraverso la parete cellulare batterica che i batteri sfruttano per produrre energia. Il bicarbonato interferisce con questo gradiente, e questo può influenzare il comportamento delle molecole antibiotiche.

Per esempio, il PMF è direttamente collegato alle pompe che i batteri possiedono nelle loro membrane cellulari. La tetraciclina penetra nelle pareti cellulari sulla base di un gradiente di pH, ma il bicarbonato riduce il gradiente, riducendo l’effetto della tetraciclina come misurato dalla MIC. Poiché il bicarbonato riduce il gradiente di pH, i batteri compensano aumentando il gradiente elettrico. L’attività degli aminoglicosidi è più legata alla carica elettrica, e il bicarbonato aumenta l’ingresso degli aminoglicosidi come misurato dalle MIC.

Inoltre, in concentrazioni fisiologiche normali, il bicarbonato sembra rendere più difficile per batteri come E. coli produrre energia, con conseguente crescita più lenta. Una crescita più lenta significa che gli antibiotici che agiscono quando i batteri si dividono attivamente diventano meno efficaci. Inoltre, la loro ricerca ha suggerito che il bicarbonato modula porzioni della nostra risposta immunitaria e può avere impatti sugli antibiotici che non riusciamo a riconoscere da semplici in vitro test.

Gli autori credono che questi esperimenti possano indirizzare la ricerca verso nuovi farmaci e terapie antimicrobiche. Ma come clinico, penso che i risultati sperimentali puntino verso un uso più immediato per il bicarbonato.

Il bicarbonato potrebbe combattere la sepsi?

La sepsi ha molteplici impatti fisiologici, ma un evento cruciale è un’interferenza con l’uso efficiente dell’ossigeno da parte delle cellule, passando sempre più a percorsi che producono meno energia e un accumulo di acidi metabolici. Questi acidi abbassano il pH, e il corpo corregge la situazione trattenendo il bicarbonato, una base, e aumentando la frequenza respiratoria, per eliminare l’anidride carbonica, un acido. Con l’intensificarsi della sepsi, i reni non riescono a trattenere abbastanza bicarbonato e il ritmo respiratorio non può essere abbastanza veloce per compensare adeguatamente, e il pH diventa più acido. [3]

L’ossigeno si lega all’emoglobina nelle nostre cellule dove viene trasportato dalla nostra circolazione alle cellule. In un ambiente acido, l’ossigeno si lega più strettamente all’emoglobina e sempre meno viene rilasciato al tessuto che ne ha bisogno per la produzione di energia. Questo, a sua volta, affretta la creazione di più acidi metabolici e un continuo abbassamento del pH – un ciclo di feedback che va a spirale verso il basso. I pazienti con sepsi grave sono spesso messi su ventilatori per controllare la loro ossigenazione e respirazione. Così, i medici piuttosto che il corpo umano assumono la gestione dell’anidride carbonica e la fornitura di bicarbonato che i reni possono mantenere. I medici sono bravi, ma non quanto un insieme di polmoni e reni sani.

L’altra conseguenza dell’utilizzo sempre più inefficiente dell’energia è che il nostro cuore comincia a fallire. Per mantenere un flusso adeguato, i nostri vasi sanguigni si dilatano in modo che il cuore non debba lavorare così duramente (tecnicamente, i vasi si dilatano per abbassare la resistenza al lavoro del cuore). I medici possono sostenere queste funzioni con farmaci che aumentano la capacità di pompaggio del cuore e regolano i vasi sanguigni per aumentare e ottimizzare la circolazione. Sappiamo che questi farmaci sono meno efficaci in ambienti acidi, quindi i medici forniranno bicarbonato supplementare per migliorare l’azione del farmaco e successivamente sostenere il pompaggio del cuore.

C’è un dibattito in corso sul ruolo del bicarbonato nella sepsi. Le attuali linee guida suggeriscono ai medici di integrare il bicarbonato quando il pH del paziente scende sotto 7,2. (La nostra convinzione clinica attuale è che il ruolo del bicarbonato sia quello di sostenere la circolazione, quindi il momento del nostro intervento si basa su misure circolatorie, come la pressione sanguigna. [4] I risultati di questo articolo dimostrano che il bicarbonato può avere un ruolo maggiore del semplice supporto alla circolazione.

E se la fornitura di bicarbonato fosse basata sul miglioramento della risposta degli antibiotici? E se una selezione di antibiotici fosse orientata non solo alla suscettibilità batterica ma al pH del paziente? È possibile che si possa migliorare l’esito della sepsi, sostenendo prima le riserve di bicarbonato del corpo, guidando la terapia per migliorare l’efficacia antimicrobica? È possibile che la funzione cardiaca e la pressione sanguigna siano i criteri sbagliati per agire? I fallimenti della circolazione sono una misura troppo tardiva nel processo, che la spirale della morte è già in corso?

Possiamo studiare la fornitura di bicarbonato supplementare ai pazienti settici ora, e per me, questa è la promessa più significativa di questo documento. Il bicarbonato può rivelarsi un mezzo semplice per migliorare la cura di un problema difficile, con un farmaco poco costoso e facilmente disponibile. Infatti, è solo bicarbonato di sodio.

[2] Acinetobacter baumannii, Klebsiella Pneumoniae, Pseudomonas aeruginosa e stafilococco resistente alla meticillina.

[3] Si parla di alcalosi respiratoria e di alcalosi e acidosi metabolica combinate.

[4] Le linee guida attuali raccomandano di non utilizzare il bicarbonato per mantenere la circolazione o migliorare l’effetto dei farmaci scelti per aumentare la pressione sanguigna e la circolazione fino a un pH di 7,15

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Il bicarbonato di sodio combatte le infezioni?

Si dice che il bicarbonato di sodio neutralizzi l’acido nelle urine, il che presumibilmente riduce i sintomi di una UTI e permette al corpo di combattere i batteri che causano l’infezione. Le persone che sostengono questo rimedio affermano anche che il bicarbonato di sodio può fermare la diffusione dell’infezione ai reni.

Continua…

Il bicarbonato di sodio è un antibiotico?

Le proprietà antibatteriche del bicarbonato di sodio sono note da anni, ma la comprensione molecolare del suo meccanismo d’azione è ancora carente. Utilizzando combinazioni chimico-chimiche, abbiamo prima esplorato l’effetto del bicarbonato sull’attività degli antibiotici convenzionali per dedurre il meccanismo.

Continua…

Il bicarbonato è un buon antibiotico?

In un nuovo studio, gli scienziati hanno capito che il bicarbonato diminuisce il gradiente di pH attraverso le membrane batteriche, che può aiutare a usher alcuni antibiotici in e tenere alcuni fuori (ACS Infect.

Continua…

Il bicarbonato di sodio uccide i batteri nel corpo?

Il bicarbonato di sodio è una miscela di ioni sodio e ioni bicarbonato. Si scioglie completamente in acqua ed è comunemente aggiunto all’igiene orale e ai prodotti di pulizia, in quanto può aiutare a rimuovere i batteri, gli odori e l’acidità. Queste proprietà possono anche essere utili per la pelle, specialmente se una persona ha certe condizioni della pelle.

Continua…

Quanto bicarbonato di sodio è sicuro al giorno?

Il dosaggio raccomandato per gli adulti è una 1/2 cucchiaino sciolto in un bicchiere d’acqua da 4 once. È meglio sorseggiare questa bevanda lentamente per evitare effetti collaterali come gas e diarrea. Si può ripetere ogni 2 ore.

Continua…

Quali sono i benefici di bere bicarbonato di sodio con acqua?

Il beneficio principale di bere bicarbonato di sodio è per il sollievo temporaneo di indigestione o bruciore di stomaco. Ci sono anche prove che suggeriscono che può ridurre l’affaticamento muscolare durante l’allenamento atletico. Una meta-analisi del 2020 ha trovato che l’integrazione di bicarbonato di sodio migliora la resistenza muscolare ma non la forza muscolare.

Continua…

Cosa succede se metti il bicarbonato di sodio nelle tue parti intime?

Il bicarbonato di sodio può anche avere un effetto positivo sul pH vaginale. Uno studio del 2014 ha scoperto che il bicarbonato di sodio ha ucciso le cellule di Candida che portano a infezioni da lievito. Il bicarbonato di sodio è stato anche trovato per avere effetti antifungini generali.

Continua…

Cosa può curare il bicarbonato di sodio?

22 benefici e usi per il bicarbonato di sodioTrattare il bruciore di stomaco. Bruciore di stomaco è anche conosciuto come reflusso acido. … Collutorio. … Lenire le afte. … Sbiancare i denti. … Deodorante. … Può migliorare le prestazioni degli esercizi. … Alleviare il prurito della pelle e le scottature solari. … Può rallentare la progressione della malattia renale cronica.

Continua…

Cosa posso usare per estrarre l’infezione?

Il calore umido di un cataplasma può aiutare ad estrarre l’infezione e aiutare l’ascesso a ridursi e drenarsi naturalmente. Un cataplasma di sale di Epsom è una scelta comune per trattare gli ascessi negli esseri umani e negli animali. Il sale di Epsom aiuta ad asciugare il pus e a far drenare il foruncolo.

Continua…

Quale dei seguenti non è un antibiotico?

L’acido citrico è molto comunemente conosciuto come vitamina C. È un acido organico debole che si trova nelle arance, nei limoni ecc. È usato come agente acidificante e chelante. È un acido e non un antibiotico.

Continua…

Posso bere bicarbonato di sodio tutti i giorni?

Bere piccole quantità di bicarbonato di sodio non è solitamente pericoloso. Negli adulti, questo può fornire un sollievo a breve termine dall’indigestione. Tuttavia, bere grandi quantità di bicarbonato di sodio è pericoloso, e non è adatto per l’uso a lungo termine, l’uso durante la gravidanza, o l’uso nei bambini.

Continua…

Cosa succede quando si beve bicarbonato di sodio e acqua?

Bere bicarbonato di sodio con acqua reagisce con l’acido dello stomaco e lo trasforma in acqua, sale e anidride carbonica. Grazie alle sue proprietà alcaline, il bicarbonato di sodio può aiutare a calmare i sintomi di nausea e indigestione. Idealmente, il pH del tuo stomaco dovrebbe essere basso.

Continua…

Si può mettere il bicarbonato di sodio nella Vigina?

Vestibolite vulvare Immergersi in un bagno di bicarbonato di sodio può aiutare a lenire il prurito e il bruciore vulvare. Aggiungere da 4 a 5 cucchiai di bicarbonato di sodio in un bagno tiepido. Immergiti fino a tre volte al giorno per 15 minuti.

Continua…

Come si usa il bicarbonato di sodio per le infezioni?

Si dice anche che il bicarbonato di sodio aiuta a disintossicare i reni, il che impedisce all’infezione di diffondersi lì e causare danni. Per usare il bicarbonato di sodio come trattamento per una UTI, si raccomanda di sciogliere da 1/2 a 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio in acqua e bere a stomaco vuoto.

Continua…

Il sale da cucina può eliminare l’infezione?

Il sale non è solo antibatterico, ma anche antivirale e antimicotico, quindi ci sono una serie di benefici di pulizia del sale stesso. Le stanze sono molto sterili, e l’esperienza complessiva aprirà le vostre vie respiratorie e rafforzerà il vostro sistema immunitario.

Continua…

Articolo precedente

Esiste un veleno per armadilli?

Articolo successivo

Quanti neuroni ci sono nell’Ens?

You might be interested in …

Si può essere allergici al melone?

Background: Anche se il melone è un frutto frequente che provoca allergie, le reazioni allergiche al melone sono state riportate raramente. Obiettivo: Valutare e descrivere le caratteristiche cliniche dell’allergia al melone in pazienti allergici al […]

Dove si mettono le prese di corrente?

Quando si costruisce una nuova casa, si dovrebbe essere coinvolti attivamente nelle fasi di pianificazione per assicurarsi che gli appaltatori non trascurino alcuni dettagli. Per esempio, una decisione importante da prendere è la posizione delle […]