2 Dicembre 2021
Expand search form

Da cosa è composto un virione?

I virus di tutte le forme e dimensioni consistono in un nucleo di acido nucleico, un rivestimento proteico esterno o capside, e talvolta un involucro esterno.

Obiettivi di apprendimento

Descrivere la relazione tra il genoma virale, il capside e l’involucro

Punti chiave

Punti chiave

  • I virus sono classificati in quattro gruppi basati sulla forma: filamentosi, isometrici (o icosaedrici), avvolti, e testa e coda.
  • Molti virus si attaccano alle loro cellule ospiti per facilitare la penetrazione della membrana cellulare, permettendo la loro replicazione all’interno della cellula.
  • I virus non avvolti possono essere più resistenti ai cambiamenti di temperatura, al pH e ad alcuni disinfettanti rispetto ai virus avvolti.
  • Il nucleo del virus contiene il piccolo genoma a singolo o doppio filamento che codifica le proteine che il virus non può ottenere dalla cellula ospite.

Termini chiave

  • capsideil guscio proteico esterno di un virus
  • involucro: una struttura o copertura che racchiude, come una membrana
  • filamentoso: Avere la forma di fili o filamenti
  • isometrico: di, o essere un sistema geometrico di tre assi uguali che giacciono ad angolo retto l’uno con l’altro (specialmente in cristallografia)

Morfologia virale

I virus sono acellulari, cioè sono entità biologiche che non hanno una struttura cellulare. Pertanto, mancano della maggior parte dei componenti delle cellule, come organelli, ribosomi e la membrana plasmatica. Un virione consiste in un nucleo di acido nucleico, un rivestimento proteico esterno o capside, e talvolta un involucro esterno fatto di proteine e membrane fosfolipidiche derivate dalla cellula ospite. Il capside è costituito da subunità proteiche chiamate capsomeri. I virus possono anche contenere proteine aggiuntive, come gli enzimi. La differenza più evidente tra i membri delle famiglie virali è la loro morfologia, che è abbastanza diversa. Una caratteristica interessante della complessità virale è che la complessità dell’ospite e quella del virione non sono correlate. Alcune delle strutture virali più intricate si osservano nei batteriofagi, virus che infettano gli organismi viventi più semplici: i batteri.

Morfologia

immagine

Esempio di un virus che si attacca alla sua cellula ospite: Il virus KSHV si lega al recettore xCT sulla superficie delle cellule umane. Questo attacco permette la successiva penetrazione della membrana cellulare e la replicazione all’interno della cellula.

I virus si presentano in molte forme e dimensioni, ma queste sono coerenti e distinte per ogni famiglia virale. In generale, le forme dei virus sono classificate in quattro gruppi: filamentosi, isometrici (o icosaedrici), avvolti, e testa e coda. I virus filamentosi sono lunghi e cilindrici. Molti virus delle piante sono filamentosi, compreso il TMV (virus del mosaico del tabacco). I virus isometrici hanno forme approssimativamente sferiche, come il poliovirus o gli herpesvirus. I virus avviluppati hanno membrane che circondano il capside. I virus animali, come l’HIV, sono spesso avvolti. I virus con testa e coda infettano i batteri. Hanno una testa simile ai virus icosaedrici e una forma di coda come i virus filamentosi.

Molti virus usano una specie di glicoproteina per attaccarsi alle loro cellule ospiti attraverso molecole sulla cellula chiamate recettori virali. Per questi virus, l’attaccamento è un requisito per la successiva penetrazione della membrana cellulare, permettendo loro di completare la loro replicazione all’interno della cellula. I recettori che i virus utilizzano sono molecole che si trovano normalmente sulle superfici cellulari e hanno le loro funzioni fisiologiche. I virus si sono semplicemente evoluti per fare uso di queste molecole per la loro replicazione.

Nel complesso, la forma del virione e la presenza o assenza di un involucro ci dicono poco sulla malattia che il virus può causare o sulle specie che potrebbe infettare, ma sono comunque mezzi utili per iniziare la classificazione virale. Tra i virioni più complessi conosciuti, il batteriofago T4, che infetta il Escherichia coli batterio, ha una struttura a coda che il virus usa per attaccarsi alle cellule ospiti e una struttura a testa che ospita il suo DNA. L’Adenovirus, un virus animale non sviluppato che causa malattie respiratorie nell’uomo, usa picchi di glicoproteine che sporgono dai suoi capsomeri per attaccarsi alle cellule ospiti. I virus non sviluppati includono anche quelli che causano la polio (poliovirus), le verruche plantari (papillomavirus), e l’epatite A (virus dell’epatite A).

immagine

Esempi di forme di virus: I virus possono avere una forma complessa o relativamente semplice. Questa figura mostra tre virioni relativamente complessi: il batteriofago T4, con il suo gruppo di testa contenente DNA e fibre di coda che si attaccano alle cellule ospiti; l’adenovirus, che usa punte del suo capside per legarsi alle cellule ospiti; e l’HIV, che usa glicoproteine incorporate nel suo involucro per legarsi alle cellule ospiti.

I virioni avvolti come l’HIV consistono di acido nucleico e proteine del capside circondati da un involucro di bilayer fosfolipidico e dalle sue proteine associate. Le glicoproteine incorporate nell’involucro virale servono per attaccarsi alle cellule ospiti. Altre proteine dell’involucro includono le proteine della matrice che stabilizzano l’involucro e spesso hanno un ruolo nell’assemblaggio dei virioni di progenie. Varicella, influenza e parotite sono esempi di malattie causate da virus con involucro. A causa della fragilità dell’involucro, i virus non sviluppati sono più resistenti ai cambiamenti di temperatura, al pH e ad alcuni disinfettanti di quanto non lo siano i virus con involucro.

Tipi di acido nucleico

A differenza di quasi tutti gli organismi viventi che usano il DNA come materiale genetico, i virus possono usare sia DNA che RNA. Il nucleo del virus contiene il genoma o il contenuto genetico totale del virus. I genomi virali tendono ad essere piccoli e contengono solo quei geni che codificano proteine che il virus non può ottenere dalla cellula ospite. Questo materiale genetico può essere a singolo o doppio filamento. Può anche essere lineare o circolare. Mentre la maggior parte dei virus contiene un singolo acido nucleico, altri hanno genomi che ne hanno diversi, chiamati segmenti.

Nei virus del DNA, il DNA virale dirige le proteine di replicazione della cellula ospite a sintetizzare nuove copie del genoma virale e a trascrivere e tradurre quel genoma in proteine virali. I virus a DNA causano malattie umane, come la varicella, l’epatite B e alcune malattie veneree, come l’herpes e le verruche genitali.

I virus a RNA contengono solo RNA come materiale genetico. Per replicare i loro genomi nella cellula ospite, i virus a RNA codificano enzimi che possono replicare l’RNA in DNA, cosa che non può essere fatta dalla cellula ospite. Questi enzimi RNA polimerasi hanno maggiori probabilità di commettere errori di copiatura rispetto alle DNA polimerasi e, quindi, spesso commettono errori durante la trascrizione. Per questo motivo, le mutazioni nei virus dell’RNA si verificano più frequentemente che nei virus del DNA. Questo li fa cambiare e adattare più rapidamente al loro ospite. Le malattie umane causate da virus a RNA includono l’epatite C, il morbillo e la rabbia.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quali sono i componenti di un virione?

I virioni più semplici sono costituiti da due componenti di base: l’acido nucleico (RNA o DNA a singolo o doppio filamento) e un mantello proteico, il capside, che funziona come un guscio per proteggere il genoma virale dalle nucleasi e che durante l’infezione attacca il virione a specifici recettori esposti sulla potenziale cellula ospite.

Continua…

Quali sono le tre parti di un virione?

Morfologia virale Un virione consiste in un nucleo di acido nucleico, un rivestimento proteico esterno o capside, e talvolta un involucro esterno fatto di proteine e membrane fosfolipidiche derivate dalla cellula ospite. Il capside è costituito da subunità proteiche chiamate capsomeri.

Continua…

Qual è la differenza tra un virus e un virione?

Un virione è un’intera particella virale costituita da un guscio proteico esterno chiamato capside e un nucleo interno di acido nucleico (ribonucleico o deossiribonucleico-RNA o DNA). Il nucleo conferisce infettività e il capside fornisce specificità al virus.

Continua…

Quando si forma un nuovo virione?

Durante la fase di maturazione, vengono creati nuovi virioni. Per liberare i fagi liberi, la parete cellulare batterica viene distrutta da proteine fagiche come l’olina o il lisozima. La fase finale è il rilascio.

Continua…

Quale componente di un virus viene iniettato nella cellula infettata?

Durante l’attacco e la penetrazione, il virus si attacca a una cellula ospite e vi inietta il suo materiale genetico. Durante lo slegamento, la replicazione e l’assemblaggio, il DNA o RNA virale si incorpora nel materiale genetico della cellula ospite e la induce a replicare il genoma virale.

Continua…

Quali sono le parti di un virus quizlet?

Termini in questo set (7)Virione. Particella virale infettiva matura.Capsid. Guscio proteico che racchiude e protegge l’acido nucleico virale.Capsomere. L’unità morfologica del capside icosaedrico.Core. … Nucleocapside. … Involucro. … Proteine spike.

Continua…

Quali sono le 3 parti che compongono la struttura della maggior parte dei virus?

La risposta corretta è (d) L’acido nucleico (sia DNA o RNA), un capside, e punte di riconoscimento.

Continua…

Quali due molecole compongono la membrana di un virus?

L’involucro è composto da due strati lipidici intervallati da molecole proteiche (bilayer lipoproteico) e può contenere materiale dalla membrana di una cellula ospite così come quello di origine virale. Il virus ottiene le molecole lipidiche dalla membrana cellulare durante il processo di gemmazione virale.

Continua…

Di cosa sono fatti i virus?

Un virus è composto da un nucleo di materiale genetico, DNA o RNA, circondato da un mantello protettivo chiamato capside che è composto da proteine. A volte il capside è circondato da un ulteriore strato spigoloso chiamato involucro.

Continua…

In che modo il virione è diverso dagli organismi viventi?

La maggior parte dei biologi dice di no. I virus non sono fatti di cellule, non possono mantenersi in uno stato stabile, non crescono e non possono produrre la propria energia. Anche se sicuramente si replicano e si adattano al loro ambiente, i virus sono più simili ad androidi che a veri organismi viventi.

Continua…

Qual è il plurale corretto di virus?

Come parola latina, ‘virus’ non ha un plurale attestato. Ha un genitivo singolare di seconda declinazione ma è abbastanza raro. La parola non è comune in generale. Di conseguenza, il plurale inglese appropriato dovrebbe davvero essere ‘virus’.

Continua…

Cos’è il virione in microbiologia?

virione, un’intera particella virale, costituita da un guscio proteico esterno chiamato capside e un nucleo interno di acido nucleico (sia ribonucleico che acido desossiribonucleico-RNA o DNA). Il nucleo conferisce infettività e il capside fornisce specificità al virus.

Continua…

Quale componente di un virus manca in una cellula?

guscio proteico
Il componente presente in un virus che manca in una cellula è il guscio proteico, chiamato anche capside.

Continua…

Quali sono le tre parti che compongono la struttura della maggior parte dei virus?

La risposta corretta è (d) L’acido nucleico (DNA o RNA), un capside e le punte di riconoscimento.

Continua…

Quali sono i componenti di base che compongono un virus quizlet?

Quali sono i componenti di base di un virus? Guscio proteico (capside), contiene il genoma del virus (RNA o DNA). Capsomeri, singole subunità del capside. Nucleocapside, complesso completo di acido nucleico e proteina del capside.

Continua…

Articolo precedente

Quanto costa una macchina del pane?

Articolo successivo

Come sono simili le eclissi solari e lunari?

You might be interested in …

Quanto fa risparmiare uno scaldabagno solare?

I sistemi solari di riscaldamento dell’acqua di solito costano di più per l’acquisto e l’installazione rispetto ai sistemi convenzionali di riscaldamento dell’acqua. Tuttavia, uno scaldabagno solare può solitamente farvi risparmiare denaro nel lungo periodo. La […]

Come si misura l’asfalto?

Usa questo calcolatore di asfalto per stimare quanto asfalto (tarmac) in volume (cu ft, iarde cubiche o metri cubi) e peso (tonnellate o tonnellate) avresti bisogno per un vialetto, un cortile della scuola, un marciapiede, […]