2 Dicembre 2021
Expand search form

Come posso ridurre la mia imposta sulle plusvalenze?

Tasse più alte sui guadagni di capitale a lungo termine occupano ora una posizione primaria nell’agenda di Washington. Ci sono proposte per aumentare l’aliquota fiscale massima sui guadagni di investimento fino al 39,6% dall’attuale 20%. I contribuenti soggetti all’imposta sul reddito netto da investimento pagano un altro 3,8% attualmente e continuerebbero a pagarlo anche dopo l’entrata in vigore di qualsiasi aumento proposto.

La maggior parte delle proposte limita le aliquote d’imposta sui guadagni di capitale più alte ai contribuenti con reddito superiore. La proposta del presidente imporrebbe l’aliquota più alta a quelli con redditi superiori a 1.000.000 dollari.

È troppo presto per la maggior parte delle persone per agire sulla base delle proposte. Potrebbe non esserci abbastanza supporto nel Congresso perché una di esse passi, o il nuovo tasso potrebbe essere più basso del 39,6% che è stato proposto. È anche troppo presto per indovinare il livello di reddito al quale un tasso più alto sarebbe efficace.

Ma non è troppo presto per pianificare ciò che si potrebbe fare ed essere pronti ad avviare il piano se una delle proposte sviluppasse trazione al Congresso. I proprietari di beni apprezzati che richiedono un po’ di tempo per essere venduti, come le piccole imprese e le proprietà immobiliari, dovrebbero considerare di iniziare il processo di vendita ora e di essere in grado di chiudere prima della fine dell’anno. Più alto è il vostro reddito, più è probabile che affrontiate un’aliquota d’imposta sui guadagni di capitale più alta dopo il 2021 e più ha senso considerare le opzioni per qualsiasi attività altamente apprezzata in conti tassabili.

L’azione più semplice e ovvia è quella di vendere presto qualsiasi investimento altamente apprezzato nel 2020 per assicurarsi che i guadagni siano tassati al massimo al 20% più qualsiasi aliquota fiscale statale. Prima di farlo, considerate tutte le implicazioni fiscali dell’aggiunta di significative plusvalenze al vostro rendimento. Fare ciò potrebbe spingere il vostro altro reddito in uno scaglione più alto, far scattare la tassa minima alternativa, far sì che più benefici di sicurezza sociale siano inclusi nel reddito lordo, aumentare la sovrattassa sui premi Medicare, o causare altri cambiamenti.

Il modo più semplice e raccomandato per evitare le tasse sui guadagni di capitale è quello di tenere beni altamente apprezzati per il resto della vostra vita. Fateli passare ai vostri cari attraverso il vostro patrimonio. Secondo la legge attuale, i beneficiari aumentano la loro base fiscale in un bene ereditato al valore equo di mercato alla data della vostra morte. Possono vendere il bene subito e non devono alcuna tassa sull’apprezzamento avvenuto durante la vostra vita.

Nascosto nella legge di riconciliazione: Un mandato per il piano di pensionamento che coglierà la maggior parte delle persone di sorpresa

7 modi in cui la nuova legge fiscale potrebbe influire sulla pianificazione del pensionamento

Ecco come l’investimento della vecchia scuola può proteggere il tuo pensionamento

Attualmente ci sono diverse proposte che eliminerebbero questo step-up nella base sui beni ereditati o richiederebbero il bene per pagare le tasse sui guadagni di capitale sull’apprezzamento che si è verificato durante la vita. Penso che queste proposte siano meno probabili di un aumento dell’aliquota massima dell’imposta sulle plusvalenze, ma c’è abbastanza supporto per le proposte che la loro attuazione non può essere esclusa.

Un modo per proteggersi dall’aumento delle tasse sui guadagni di capitale quest’anno e in futuro è quello di praticare un investimento saggio dal punto di vista fiscale.

Una regola chiave è quella di limitare il trading. Un errore comune degli investitori individuali è quello di comprare e vendere troppo spesso. Di solito è una buona idea evitare di vendere un investimento fino a quando non lo si tiene per più di un anno, in modo da potersi qualificare per la più bassa aliquota fiscale sui guadagni di capitale a lungo termine. Inoltre, evitate di prendere troppe plusvalenze in un anno per evitare di essere spinti in una fascia d’imposta più alta. Naturalmente, i fondamenti dell’investimento sono più importanti delle tasse. Ma conoscere gli effetti fiscali prima di vendere un investimento.

Un’altra regola importante è quella di cercare perdite di carta nel vostro portafoglio ogni volta che riconoscete guadagni di capitale. Vendete gli investimenti perdenti in modo che le perdite compensino in parte o del tutto i guadagni. In effetti, è una buona idea prendere queste perdite sulla carta anche quando non si prevede di avere guadagni di capitale a lungo termine per l’anno. Fino a 3.000 dollari di perdite di capitale che superano i guadagni di capitale possono essere dedotti contro altri tipi di reddito, e le perdite di capitale che non sono usate nell’anno corrente possono essere riportate agli anni futuri.

Un’altra strategia che potrebbe essere praticabile come parte della vostra pianificazione patrimoniale è quella di dare investimenti apprezzati ai membri della famiglia che sono in fasce fiscali più basse. Potrebbero vendere i beni e incorrere in minori imposte sulle plusvalenze. Questo aumenta la ricchezza al netto delle tasse della famiglia.

Quando si è caritatevoli, ci sono diverse strategie di donazione caritatevole che possono aiutare ad evitare o limitare le tasse sui guadagni di capitale.

Invece di vendere un bene apprezzato, puoi contribuire alla beneficenza con un investimento con plusvalenze a lungo termine. Non dovrai alcuna imposta sulle plusvalenze sull’apprezzamento che si è verificato durante la tua vita. Nemmeno l’ente di beneficenza dovrà pagare le tasse, perché è esente da tasse. Ma voi ricevete una deduzione per contributi caritatevoli pari al valore dell’investimento alla data del contributo. L’ente di beneficenza può vendere l’investimento in qualsiasi momento senza dover pagare alcuna tassa, perché è esente da imposte.

Un’altra strategia è quella di donare una proprietà apprezzata in cambio di una rendita di beneficenza. Riceverete una deduzione di contributo caritatevole nell’anno della donazione per una parte del valore corrente della proprietà. L’ammontare della deduzione dipenderà dalla vostra età e dagli attuali tassi d’interesse. Inoltre, la carità vi pagherà un reddito per il resto della vostra vita, o per la vita congiunta di voi e del vostro coniuge. La rivalutazione della proprietà donata non sarà tassata.

Oppure si può contribuire proprietà apprezzata di investimento per un trust di remainder caritatevole. Anche in questo caso, riceverete una deduzione per contributo caritatevole per una parte del valore dell’investimento e non dovrete pagare le tasse sulle plusvalenze. Il fondo vi pagherà un reddito per tutta la vita. Sarete voi a decidere se il fondo vi pagherà un importo fisso ogni anno o una percentuale del valore del fondo. L’ente di beneficenza riceve ciò che rimane nel trust dopo la tua morte.

Una strategia non caritatevole che è particolarmente utile per le vendite di piccole imprese e immobili commerciali è il trust di vendita differita. In questa strategia, si può negoziare una vendita della proprietà a una terza parte. Ma voi firmate un contratto con un trust e vendete la proprietà al trust in cambio di pagamenti nel tempo. Il trust può quindi vendere la proprietà all’acquirente con cui avete negoziato.

Se fatto correttamente, si viene tassati sui guadagni della vendita solo quando si ricevono i pagamenti dal trust invece che in un anno quando il bene viene venduto. Ma il trust riceve un pagamento forfettario dall’acquirente, quindi il ricavato della vendita è nel trust e può essere investito dal trustee.

È importante lavorare con un avvocato che conosce i dettagli di un efficace contratto fiduciario di vendita differita. Affinché un contratto fiduciario di vendita differita sia efficace, tra le altre cose ha bisogno di un fiduciario terzo indipendente e non si può avere accesso ai beni prima che un pagamento rateale sia dovuto.

Potreste anche essere interessati agli argomenti

Come posso ridurre l’imposta sulle plusvalenze nella vendita di un immobile?

6 strategie per differire e/o ridurre l’imposta sulle plusvalenze quando si vende un immobileAspetta almeno un anno prima di vendere un immobile. … Sfruttare l’esclusione della residenza primaria dell’IRS. … Vendi la tua proprietà quando il tuo reddito è basso. … Approfittate di uno scambio 1031. … Tenere un registro delle spese di vendita e di miglioramento della casa.Altri articoli…

Continua…

Cosa può compensare le plusvalenze?

Modi per compensare le plusvalenzeAspettare più a lungo di un anno prima di vendere. Quando un bene è tenuto più a lungo di un anno prima di essere venduto, si qualifica per lo status a lungo termine, abbassando così l’aliquota d’imposta sulle plusvalenze. … Raccolta delle perdite fiscali. … Vendere quando il reddito è inferiore. … Ridurre il reddito imponibile. … Rinviare le plusvalenze con uno scambio 1031.Apr 28, 2021

Continua…

Come posso pagare meno tasse sulle plusvalenze?

Come evitare le tasse sui guadagni di capitale sulle azioniLavora la tua fascia d’imposta. … Utilizzare la raccolta delle perdite fiscali. … Donare le azioni in beneficenza. … Comprare e tenere azioni di piccole imprese qualificate. … Reinvestire in un fondo di opportunità. … Tienilo fino alla morte. … Usare conti pensionistici agevolati dalle tasse.6 giorni fa

Continua…

Puoi reinvestire per evitare le plusvalenze?

Uno scambio 1031 si riferisce alla sezione 1031 dell’Internal Revenue Code. Permette di vendere una proprietà d’investimento e di rimandare il pagamento delle tasse sul guadagno, a condizione di reinvestire il ricavato in un’altra proprietà “simile” entro 180 giorni.

Continua…

Quali miglioramenti sono consentiti per l’imposta sulle plusvalenze?

Aggiunte alla casa Le nuove aggiunte alla vostra casa sono i miglioramenti di capitale più ovvi. Aggiungere una nuova camera da letto, un bagno, un garage, un portico o anche un’antenna satellitare alla vostra casa sono tutti miglioramenti validi, secondo la Pubblicazione 523 dell’IRS.

Continua…

Quali sono le due regole dell’esclusione sulle plusvalenze per i proprietari di casa?

Il venditore deve aver posseduto la casa e averla usata come residenza principale per due degli ultimi cinque anni (fino alla data di chiusura). I due anni non devono essere consecutivi per qualificarsi. Il venditore non deve aver venduto una casa negli ultimi due anni e rivendicato l’esclusione fiscale sui guadagni di capitale.

Continua…

Come posso reinvestire per evitare le plusvalenze?

Fai uno scambio 1031 Uno scambio 1031 si riferisce alla sezione 1031 dell’Internal Revenue Code. Permette di vendere una proprietà d’investimento e di rimandare il pagamento delle tasse sul guadagno, a patto di reinvestire il ricavato in un’altra proprietà “simile” entro 180 giorni.

Continua…

Qual è l’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze per il 2021?

Panoramica sull’imposta sui guadagni di capitale In base allo status di deposito e al reddito imponibile, i guadagni di capitale a lungo termine per l’anno fiscale 2021 saranno tassati allo 0%, 15% e 20%. I guadagni a breve termine sono tassati come reddito ordinario. Dopo che le imposte federali sulle plusvalenze sono riportate attraverso l’IRS Form 1040, possono essere applicabili anche le imposte statali.

Continua…

Posso reinvestire per evitare le plusvalenze?

Uno scambio 1031 si riferisce alla sezione 1031 dell’Internal Revenue Code. Permette di vendere una proprietà d’investimento e rimandare il pagamento delle tasse sul guadagno, a patto che reinvestiate il ricavato in un’altra proprietà “simile” entro 180 giorni.

Continua…

Esiste un’esenzione per l’imposta sulle plusvalenze?

L’Internal Revenue Service permette esclusioni per le plusvalenze fatte sulla vendita di residenze primarie. I proprietari di case che soddisfano determinate condizioni possono escludere i guadagni fino a 250.000 dollari per i single e 500.000 dollari per le coppie sposate che presentano una dichiarazione congiunta.

Continua…

A quale età si è esenti dall’imposta sulle plusvalenze?

55
Non puoi richiedere l’esclusione delle plusvalenze se non hai più di 55 anni. Una volta era la regola che solo i contribuenti di 55 anni o più potevano richiedere un’esclusione e anche allora, l’esclusione era limitata ad un limite di 125.000 dollari una volta nella vita. Il Taxpayer Relief Act del 1997 ha cambiato tutto questo.

Continua…

Si pagano le plusvalenze se si perdono soldi?

Il denaro che si perde è una perdita di capitale. Il nostro calcolatore dell’imposta sui guadagni di capitale può aiutarti a stimare i tuoi guadagni. È possibile utilizzare le perdite di capitale degli investimenti per compensare i guadagni. Per esempio, se hai venduto un’azione per un profitto di 10.000 dollari quest’anno e ne hai venduta un’altra con una perdita di 4.000 dollari, sarai tassato su guadagni di capitale di 6.000 dollari.

Continua…

Quanti anni bisogna vivere in una casa per evitare le plusvalenze?

due anni
Vivi nella casa per almeno due anni. I due anni non hanno bisogno di essere consecutivi, ma chi vende casa deve stare attento. Se vendi una casa in cui non hai vissuto per almeno due anni, i guadagni possono essere tassabili.

Continua…

C’è ancora un’esenzione per le plusvalenze una tantum?

L’esenzione per la vendita della casa agli over 55 è stata messa in atto per dare ai proprietari di casa un po’ di sollievo dalle implicazioni fiscali della vendita delle loro case. L’esenzione non esiste più in quanto è stata sostituita da nuove regole quando il Taxpayer Relief Act del 1997 è stato ratificato in legge.

Continua…

Si devono pagare le plusvalenze dopo i 70 anni?

Quando vendi una casa, paghi l’imposta sulle plusvalenze sui tuoi profitti. Non ci sono esenzioni per gli anziani: pagano le tasse sulla vendita come tutti gli altri.

Continua…

Articolo precedente

Cosa indossa una sposa a un matrimonio in tribunale?

Articolo successivo

Quali sono i diversi sistemi radicali?

You might be interested in …

Cosa significa warriors dont cry?

Queste note sono state fornite dai membri della comunità di GradeSaver. Siamo grati per i loro contributi e ti incoraggiamo a fare le tue. Scritto da persone che desiderano rimanere anonime “Quando una folla di […]

Come si chiama il battito cardiaco?

Incontrare l’allenatore di grammatica Migliora la tua scrittura Origine di battito cardiaco Parole vicine a battito cardiaco Parole legate a battito cardiaco Come usare battito cardiaco in una frase Ho cercato di sentire il battito […]